Cosmogramma interiore disperante

Perdo ogni riferimento e rimango un sistema inerziale senza autocapacità di accelerazioni. Mi muovo uniformemente aspettando un pozzo gravitazionale che mi trascini in caduta libera verso il centro di una singolarità le cui forze di marea mi faranno a pezzi prima di ogni possibile rivelazione